Giornata Europea della Logopedia 2015

locandina GE2015

COMUNICATO STAMPA ‘Posso dire ancora la mia!’ lo slogan della Giornata Europea della Logopedia

DISTURBI DELLA COMUNICAZIONE, COLPITI 3 MILIONI DI ANZIANI GLI ESPERTI: “E’ FONDAMENTALE LA RIABILITAZIONE LOGOPEDICA”

Gli esperti della Federazione dei Logopedisti Italiani saranno ‘on-line’ per una settimana, dal 9 al 13 marzo, per informare sui principali disturbi, sintomatologia, implicazioni e opportunità terapeutiche dei molteplici disturbi della parola ‘acquisiti’, successivi a traumi, disabilità, ictus, malattie neuro-degenerative. Fondamentale è la riabilitazione logopedica, su misura del paziente e della natura del problema, attuata in contesti ad hoc

Milano, 7 Marzo 2015 – Si è celebrata ieri la Giornata Europea della Logopedia, ma la vera attività si svolgerà dal 9 al 13 marzo. Una occasione per sensibilizzare ai tanti disturbi della comunicazione, ovvero di difficoltà di parola, con una l’iniziativa ad hoc, “Posso ancora dire la mia!”, organizzata dalla Federazione dei Logopedisti Italiani (FLI): dal 9 al 13 marzo prossimi, gli esperti saranno on-line dalle 10 alle 12, al numero 049.8647936, per rispondere a domande, dubbi e richieste sulla difficoltà di parola e le sue implicazioni. Altre informazioni possono essere richieste via email o essere trovate sul sito www.fli.it.

I disturbi della comunicazione sono un problema largamente diffuso in Italia: i numeri parlano chiaro, con oltre 3 milioni di persone colpite, in età adulta o geriatrica, da problemi quali afasia, disartria o, ancora, problemi cognitivi comportamentali e demenza. Disturbi invalidanti, dal forte impatto funzionale e socio-relazionale. Primo fra tutti la difficoltà di articolazione verbale ‘acquisita’, successiva cioè a una lesione cerebrale traumatica, disabilità, ictus, o altre implicazioni di natura neurologica. Eppure, se non risolvibile, la funzionalità verbale è terapeuticamente migliorabile, anche con esiti sensibili: grazie a una riabilitazione logopedica, costante e mirata alla natura, all’intensità, alla gravità del problema e della disfunzione, effettuata in un contesto di collaborazione con medici specialisti, operatori sanitari, famigliari e care-giver. Una opportunità riabilitativa fondamentale che, invece, non è adeguatamente conosciuta dalla popolazione generale, né soprattutto da chi è affetto dal problema di parola o da chi li assiste e su cui, come è nell’obiettivo della FLI, occorre invece fornire maggiori informazioni. Questo è l’obiettivo dell’iniziativa FLI.

“Sono oltre 3 milioni – spiega la dottoressa Tiziana Rossetto, presidente della FLI – gli italiani affetti da un disturbo comunicativo acquisito, ovvero a carico della comunicazione e del linguaggio che si manifesta a seguito di una lesione cerebrale non di natura congenita, ma causata da un trauma o malattia degenerativa immediatamente post-natale o nel corso della vita, da una condizione di disabilità, generalmente permanente e spesso di grave entità che compromette in modo significativo la qualità della vita quotidiana in ambitosociale e relazionale, o ancora derivanti da ictus, encefaliti e meningiti e/o altre patologie di natura cerebrale”. Tutte condizioni serie che hanno come implicazione il sensibile e progressivo declino a carico del funzionamento cognitivo, compresi i disturbi del linguaggio, memoria, attenzione, delle funzioni esecutive, ma anche modificazioni della personalità, del giudizio, dell’umore o della consapevolezza dei propri disturbi. Nonostante la compromissione dello stato di benessere e di salute generale della persona, tuttavia è possibile agire efficacemente sulla riacquisizione della facoltà di parola con una riabilitazione logopedica che, in taluni casi, può portare anche esiti straordinari. “L’obiettivo della riabilitazione logopedica – aggiungono Giuseppe Mancini e Rossella Muo, logopedisti FLI esperti in Neuroscienze – attuata in team con altri professionisti sanitari, è quello di ristabilire la massima autonomia possibile e la miglior qualità di vita possibile di chi è affetto da un disturbo della comunicazione, incrementando la piena partecipazione dell’individuo alle attività di vita quotidiana, tenendo conto del fatto che queste patologie possono lasciare segni e ripercussioni destinati a durare per tutta la vita”. Da qui l’importanza di garantire programmi riabilitativi studiati ‘su misura’, ovvero essere attentamente calibrati sulla persona, sulle sue specifiche necessità comunicative e con differenti obiettivi, nel rispetto anche del contesto sociale e famigliare. E l’informazione delle possibilità terapeutiche è solo uno dei focus della Giornata Europea della Logopedia, creata nel 2004 dal Comitè Permanent de Liaison des Orthophonistes-Logopèdes de l’Union Européenne (C.P.L.O.L) e celebrata ogni anno il 6 Marzo. “La giornata – conclude la dr.ssa Rossetto – ha come obiettivo la sensibilizzazione e l’informazione sui possibili disturbi di interesse logopedico, da quelli della comunicazione e delle funzioni orali fino alla deglutizione, con particolare attenzione alla prevenzione, alle possibilità riabilitative, ai diritti del malato. Ci rivolgiamo a tutti – pazienti, medici di medicina generale e specialisti, logopedisti, professionisti sanitari della riabilitazione e/o di coloro che normalmente hanno a che fare con la comunicazione, come gli insegnanti ad esempio, autorità locali e nazionali, la popolazione in generale – perché la parola sia sempre meno un ‘disturbo’ e sempre più una reale occasione di comunicazione”.
Ufficio stampa FLI
CB-Com Carlo Buffoli
Ph. +39.3496355598

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>